L'evento è terminato in data 05 Dicembre 2019 alle ore 18:00.

Naviga all'interno del portale e trova nuovi eventi di tuo interesse!

Condividi con gli amici

Altri eventi a Forlì

Alis - le cirque wtp a Forlì

Dal Venerdì 20 Dicembre • 21:00

Palagalassi

Personale di pittura Stefania De Salvador Forlì

ForlìArte & Cultura
Da Sabato 30 Novembre 2019 • Ore 18:00 a Giovedì 05 Dicembre 2019 • Ore 18:00

AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE
LORO SEDI
COMUNICATO STAMPA

FORLì 29 novembre – 5 dicembre 2019

In illo tempore

Personale di pittura di

Stefania De Salvador

Vernissage sabato 30 novembre ore 18

Angolo Mazzini Spazio d’arte
Corso G.Mazzini 21 – Forlì
Da venerdì 29 novembre a giovedì 5 dicembre 2019

“in illo tempore”
Personale di pittura di
Stefania De Salvador
Vernissage sabato 30 novembre ore 18
Lettura di poesie inedite di
Martina Campi
Fabrizio Lombardo
Note musicali eseguite al basso da Agostino Giordano
Ingresso gratuito

Stefania De Salvador sarà ospite dello Spazio d’arte Angolo Mazzini – in corso Mazzini 21 a Forlì – da venerdì 29 novembre a giovedì 5 dicembre con la personale di pittura “in illo tempore”.

Sabato 30 novembre alle ore 18 si terrà il vernissage a cui parteciperanno Martina Campi e Fabrizio Lombardo con letture di proprie poesie inedite, accompagnati dalle note musicali improvvisate al basso da Agostino Giordano.

Stefania De Salvador nella la personale “in illo tempore” propone opere che sintetizzano la sua ricerca artistica volta ad una personale lettura della pittura di paesaggio dall’alto Medioevo all’ incipiente Rinascimento.
Sono dipinti che rappresentano le varie fasi del percorso artistico della pittrice bolognese, che esprimono rimandi ora più dichiarati ora più sommessi a quell’epoca storica, ai pittori studiati e amati da De Salvador (Giotto, Guido da Siena, i Lorenzetti, Paolo Uccello e molti altri).
Sono inoltre esposte miniature su tavoletta di legno, ispirate alle capitali maiuscole (le così dette iniziali abitate, con scene dipinte) che compaiono nei manoscritti medievali. Non vogliono essere una fedele riproduzione dei manoscritti del tempo, piuttosto vogliono offrirne la suggestione con sfondi e paesaggi che caratterizzano il suo fare artistico.

Info 333 7272514
La mostra è aperta da Lunedì al Venerdì ore 10-12, 16-18
Sabato ore 16-18 Domenica 10-12

Hanno scritto dei lavori di Stefania De Salvador
nella sua personale e giustamente arbitraria rilettura dei dipinti dell&039arte adriatica, quella di Vincenzo Pagani, ma anche di Crivelli o Alemanno, Stefania De Salvador (che in questi posti ha affabulato il genius loci durante una residenza di anni) ha isolato proprio questa parte un po&039 segreta di certe tele mescolandola alle suggestioni della contemporaneità, lavorando quindi sui cromatismi e i tagli di luce, sulle linee di demarcazione dello spazio e, naturalmente, sui colori delle colline e le marine del fermano, o i monti azzurri dei Sibillini di cui parlava Leopardi, cioè sul conio di uno dei territori più particolari dell&039Italia.
L&039esperimento mi pare particolarmente riuscito. Ne viene fuori un paesaggio altro, metafisico e lunare, molto spesso notturno, oscuro, fatto di contrasti, dominato dai gialli della terra e dall&039azzurro o dei grigi del cielo dove non c&039è quasi mai quiete ma un senso diffuso di minaccia, di inquietudine
Angelo Ferracuti

Stefania De Salvador compie un gesto intellettuale e tecnico che salta la modernita&039esplora il passato, quello dell&039arte, guarda, ricalca, studia, tenta fino a trovare uno sguardo contemporaneo sulle opere del rinascimento incipiente. E qui, attraverso un occhio che deve tutto al contemporaneo (inteso come categoria dell&039arte, non come fatto temporale) tanta applicazione regala un risultato che con sopresa, non deve nulla alla citazioneInsomma oltre il citazionismo degli ultimi anni, oltre la neofigurativita&039 e risalendo e ripensando anche oltre la forza della materia che ha costruito in parte, l&039informale. Nuova, insomma, Stefania De Salvador per quello che si puo&039 giudicare oggi, qui.
Pier Damiano Or

&quot...il lavoro di De Salvador, che ha come protagonista indiscusso il paesaggio, terragno o lacustre cosi&039 prossimo a quello dei dipinti di Piero della Francesca. Un paesaggio silenzioso, privato di ogni presenza umana, e che da questo vuoto prende vita e movimento”
Sergio Rotino

Stefania De Salvador, da una ventina d’anni espone i propri dipinti in mostre personali e collettive a Bologna e provincia, in Romagna, nelle Marche, in Basilicata e Toscana.
Laureata al Dams di Bologna (nel 1988) negli stessi anni consegue il diplomata al Quinto anno di pianoforte al Conservatorio di Ravenna, e frequenta come auditrice l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Attualmente frequenta il secondo anno della Facoltà di Beni culturali a Ravenna.
Si occupa del rapporto musica-architettura, musica-pittura tra Medioevo e Rinascimento, pubblicando saggi su riviste specializzate e nel volume “Cronache dal Tecno- Medio-Evo” (Mimesis 2015). Tiene conferenze in Convegni, Rassegne e Festival (tra questi il Festival della scienza di Genova).
Ha collaborato con diverse testate giornalistiche occupandosi di arte, musica e spettacolo.
Ha curato la direzione artistica di eventi letterari e musicali, e l’ufficio stampa per realtà culturali nazionali collaborando con scrittori, case editrici, musicisti e attori.
Fa parte del gruppo di artisti Art-in fo - http://www.art – in- fo.it - uno spazio online, social integrato, molto attivo.
Da un anno vive nel borgo medievale di Dozza, non lontano da Bologna, dove ha il proprio studio di pittura.

Data

Dal
Al

Luogo e Indirizzo

Forlì
Corso Mazzini 21
Angolo Mazzini Spazio d'arte