L'evento è terminato in data 25 Ottobre 2019 alle ore 23:30.

Naviga all'interno del portale e trova nuovi eventi di tuo interesse!

Condividi con gli amici

Altri eventi a Rimini

Marx e Lacan a Rimini

Venerdì 13 Dicembre • 17:00

Museo della Città

Umami e benessere con Giulia Pieri: un miso tutto italiano a Rimini

Sabato 14 Dicembre • 10:00

Bottega Poco Di Buono

La casetta di marzapane - Laboratorio creativo di Natale a Rimini

Sabato 14 Dicembre • 16:30

L'Officina centro culturale e ricreativo

Tombola giocata a Rimini

Domenica 15 Dicembre • 10:00

Can per l'aia

Rimini - Per Natale Regalo Abbracci 2019 a Rimini

Domenica 15 Dicembre • 16:00

Piazza Tre Martiri, 47921 RN, Italia

Ten Thousand Shades of Ocean - A Documentary a Rimini

Domenica 15 Dicembre • 20:30

Forma mi

L'Altra America a Rimini Rimini

RiminiTempo LiberoVenerdì 25 Ottobre 2019 • Ore 21:30

CI SIAMO!
L'attesa è terminata!

"L'ALTRA AMERICA"
torna in scena come non l'avete mai vista!

Venerdì 25 OTTOBRE, ore 21.30, saremo belli carichi presso il "Circolo Milleluci" di Rimini (RN) per una performance che non dimenticherete!

Prima consumazione: 8€
Ingresso riservato ai soci Aics (tessera annuale 5€)

Per info e prenotazioni:
349.7412325 - 339.3394844
- http://www.lorisfalconi.com

Vi aspettiamo numerosi

-

"L'ALTRA AMERICA"
spettacolo di prosa d’autore e musica

con
Loris Falconi: voce, parti narrative e filosofiche
Loris Ferri: voce, poesie, parti narrative
Telios de Lorca: musiche originali
Margherita Baldelli: fondali

Una sezione dello spettacolo è tratta dall’opera poetica:
"Poema della residenza" di Loris Ferri
Premio Internazionale Senghor 2017_ poemes publies
en italien [organizzazione: Unesco, Presidenza Unione Europea,
Parlamento Italiano, Ambasciata del Senegal]
Selezione progetto Europeo_ Refugee Routes

Breve Estratto: https://youtu.be/uwUnc4cadrw

"Che cos’è il tempo? Che cos’è?
Lo scorrere sospinge la materia, dispone il ciclo le ossa spalancate
l’ora destinato a venire più volte.
Il tempo è un serpente piumato è un Quetzalcoatl
è una barca sospesa tra l‘abisso e il cielo
il tempo è una terra chiamata orizzonte
che non va e non viene
ma resta, solo per chi nell’intimo sfoggia
le piume di un segreto incanto.
E’ un presagio è un antico sonaglio
è Pedro de Alvarado è una notte triste a Tlacopan
tremila gli appesi alle croci infuocate tremila gli indios
Il tempo è un uomo che ha scordato d’essere uomo
è una forbice che taglia le mani al filo degli anni
il tempo è colui per il quale tutto il mondo non è che un paese straniero."

Nato grazie all’incontro con l’opera illuminante di Cvetan Todorov, "La conquista dell’America. Il problema dell’altro",
lo spettacolo prende vita ispirandosi liberamente a una passato antico quasi seicento anni. Di questo si tratta:
un racconto poetico e narrativo che si rivolge all’altro ma che in realtà parla a se stesso e di se stesso: dell’Occidente
e della sua vicenda di uomini, conquistatori, predicatori, mostri sanguinari e missionari. E più ci si pensa e più ci si convince che non si può partire dalla fine, da oggi, perché qualcosa non torna, qualcosa è andato perduto o smarrito lungo quelle rotte: forse l’uomo stesso. Abbiamo così deciso di ritornare all’origine e ricucire il filo a ritroso della memoria. Perché questo è il Viaggio, il grande viaggio, che segnerà l’umanità a venire. Nulla sarà più come prima.
Dal 1492 al 1495, Mesoamerica. Gli ori, le dicerie, le persecuzioni e l’altro. Ma qui ci troviamo di fronte alla storia che si fa al contempo mito ed epica, gesta memorabili e leggendarie, naufragi e popoli, memorie cancellate e civiltà di un passato glorioso tra guerre e divinazioni. Realtà e leggenda di frati sanguinari e di serpenti piumati, Quetzalcoatl e Bernardino de Sahagùn, testamenti che riscrivono i fatti accaduti nel lontano tempo di Las Casas. Tutti i grandi temi dell’umano si mescolano e segnano uno strano e tenebroso destino che ancora oggi accompagna la nostra esistenza. L’amore deviato, la violenza e lo stupro, l’olocausto, l’inferiorità dell’altro. E a noi non resta, di questi tempi, che cantare e raccontare ciò che di questa vicenda è andato perduto o affondato nelle acque tempestose e rugginose degli oceani, o è stato nascosto o solo taciuto. Si intrecciano destini e rimpianti per un mondo che sarebbe potuto essere altro da quello – barbaro e tirannico- nel quale ora viviamo.

Tre atti nei quali gli elementi della natura accompagnano la visione.
Atto I: Origine o del doppio intruso. Atto II: Metamorfosi o degli oggetti viventi. Atto III: Divinazione o sull’essere presente.

Le musiche che accompagnano il racconto sono composte da: Telios de Lorca, progetto musicale di Marco Cesarini (basso, cigar box, elettronica) e Davide Mazzoli (batteria, elettronica). Fondali realizzati dalla pittrice Margherita Baldelli.

LINKS UTILI:
Loris Falconi
http://www.lorisfalconi.com
Loris Ferri
http://www.el-ghibli.org/loris-ferri-2/
Telios de Lorca
http://www.teliosdelorca.com
Poema della residenza
http://www.sigismunduseditrice.it/shop/almea/poema-della-residenza

Data

Dal
Al

Luogo e Indirizzo

Rimini
Via Isotta degl'Atti 8
Milleluci