L'evento è terminato in data 06 Novembre 2018 alle ore 23:00.

Naviga all'interno del portale e trova nuovi eventi di tuo interesse!

Condividi con gli amici

Il prigioniero coreano - 22° Rassegna Cinema e Diritti Umani Forlimpopoli

ForlimpopoliArte & CulturaMartedì 06 Novembre 2018 • Ore 21:00

Novembre cos'è che succede a novembre?
Ah! Sì! Ritorna la rassegna Cinema e Diritti Umani organizzata dal gruppo Amnesty International - Forlì in collaborazione con il cinema Verdi!
E' un appuntamento ormai consolidato, con una lunga storia alle spalle, quest'anno siamo arrivati alla 22° edizione! Nel corso degli anni sono stati proiettati documentari e fiction e si sono organizzati incontri con i registi per sensibilizzare il pubblico su argomenti relativi ai diritti umani e contribuire ad abbattere pregiudizi.

Perciò, se amate il cinema e volete sostenere le campagne di Amnesty International nel mondo, vi aspettiamo tutti i martedì sera di novembre alle 21.00, a partire dal 6 fino al 27!

Si inizia con l'ultimo film di Kim Ki-Duk, "IL PRIGIONIERO COREANO", in cui attraverso il tema della divisione della penisola coreana (capitalismo, libertà, patriottismo) con un clima da guerra fredda, il regista realizza una satira pungente sull'assurdità della devozione alle "patrie".
Alla serata interverrà Filippo Venturi, talentuoso fotografo documentarista che ha realizzato due bellissimi reportage sulla Corea del Sud (Made in Korea) e sulla Corea del Nord (Korean Dream). La visione del film sarà lo spunto per riflessioni e confronto alla luce della sua esperienza.

Di seguito il programma completo della rassegna.

PROGRAMMA:

6 Novembre
"IL PRIGIONIERO COREANO" (Corea del Sud 2016, durata 114') - di Kim Ki-Duk
«Fai attenzione: oggi la corrente va verso Sud», lo avvisa una sentinella, ma a fare attenzione, a farne sempre molta, il pescatore Nam Chul-woo ci è abituato. Del resto, non puoi permetterti distrazioni quando abiti in un villaggio della Corea del Nord e ti muovi ogni giorno sulla linea di confine. Una delle sue reti però si aggroviglia attorno all’elica della sua piccola barca, il motore si blocca e la corrente che «va verso Sud» trascina lentamente (inesorabilmente) il povero Nam in zona nemica... Si apre così Il prigioniero coreano, attesissimo ritorno di Kim Ki-duk alla narrazione politica. Un dramma che sviluppa e moltiplica il tema del doppio, così com'è doppia la Corea, raccontando intensamente una grande storia collettiva attraverso la storia (l'innocenza) di un singolo individuo. Riuscirà Nam, dopo pressanti interrogatori, a convincere le forze di sicurezza sudcoreane di non essere una spia? Ma soprattutto: riuscirà Nam, dopo il proprio faticoso rilascio, a convincere il potere nordcoreano della propria integrità? è rimasto ancora quello che era, cioè un bravo cittadino devoto, o l'infezione del capitalismo («Più forte è la luce, più grande è l'ombra») lo ha contaminato per sempre? Lontanissimo dalle tinte forti dell'Isola o di Moebius, Kim Ki-duk parla del presente, parla di una nazione divisa e in perenne stato di guerra, utilizzando – ovviamente a modo suo – la grammatica del thriller.

13 Novembre
"SEMBRA MIO FIGLIO "(Italia, Croazia, Belgio, 2018, durata 103') - di Costanza Quatriglio
Sfuggito alle persecuzioni in Afghanistan quando era ancora bambino, Ismail vive in Europa con il fratello Hassan. La madre, che non ha mai smesso di attendere notizie dei suoi figli, oggi non lo riconosce. Dopo diverse e inquiete telefonate, Ismail andrà incontro al destino della sua famiglia facendo i conti con l'insensatezza della guerra e con la storia del suo popolo, il popolo Hazara.

20 Novembre
"LAST MEN IN ALEPPO" (Danimarca, Siria, 2016, durata 90') - di Feras Fayyad, Steen Johannessen
La guerra in Siria attraverso gli occhi dei "Caschi Bianchi" ad Aleppo, i volontari che compiono operazioni di soccorso per salvare il più alto numero di vite umane, diventati l'ultimo baluardo contro una guerra senza fine. Fayyad, arrestato e torturato dal regime di Bashar Al Assad nel 2011, ha documentato quello che accade durante e subito dopo i bombardamenti. Con l'aiuto dei "Caschi Bianchi" il documentario narra la quotidianità in un posto di guerra dove si lotta per la sopravvivenza, in un paese dove la guerra è diventata la normalità.

27 Novembre
"SHORT HUMAN RIGHTS - Cortometraggi sui diritti umani" (AA.VV.)
Selezione internazionale di cortometraggi sul tema dei diritti umani, a cura dell’associazione Albedo, dall’archivio del MalatestaShort Film Fest - Cesena.

Attraverso generi e stili diversi, dal documentario di denuncia alla fiction e all'animazione piccole e grandi storie compongono una trama di sguardi dal mondo e ci interrogano sul bisogno di giustizia e difesa dei diritti.

Cinema Teatro Verdi Forlimpopopoli
Piazza Fratti (cortile Rocca) 7
tel. 0543/744340

http://www.cinemaverdi.it

INGRESSO:
INTERO: € 6
RIDOTTO: € 4 per Universitari, Ragazzi fino a 10 anni, Anziani oltre i 60 anni, Militari, Aderenti Convenzione AGIS, Scuola di Musica Popolare Forlimpopoli, WWF, Amnesty International, Mariette Forlimpopoli, Centro Giovanile ANDREA Forlimpopoli

Data

Dal
Al

Luogo e Indirizzo

Forlimpopoli
Piazza Fratti (cortile Rocca) 7
Cinema Teatro Verdi

Indicazioni per arrivare all'evento