L'evento è terminato in data 22 Luglio 2016 alle ore 23:30.

Naviga all'interno del portale e trova nuovi eventi di tuo interesse!

Ti conviene andare in spiaggia con Marina

Condividi con gli amici

Cinema in giardino Riccione

RiccioneSpettacoli
Da Domenica 10 Luglio 2016 • Ore 21:15 a Venerdì 22 Luglio 2016 • Ore 23:30

Torna con l'estate l'intramontabile piacere della visione del cinema all'aperto . L'edizione 2016 inizia il 10 luglio con un ospite d'eccezione, ALESSANDRO BERGONZONI, che presenta il suo film URGE.
Ad arricchire le proiezioni altri importanti e interessanti incontri con ospiti del cinema: i registi MARIA SOLE TOGNAZZI, IVAN COTRONEO e MASSIMILIANO BRUNO, oltre all'attore SIMONE RICCIONI.
Confermato ogni lunedì lo spazio famiglia per film di avventura e animazione che coinvolgono grandi e bambini. Riproposto anche il simpatico trenino che collega l'arena con le zone a mare.

URGE
Alessandro Bergonzoni, comico, scrittore, autore e attore di teatro italiano. ci fa viaggiare attraverso i suoi temi più cari che grazie al grande schermo entrano sotto la pelle e più vicino al cuore degli spettatori. Attraverso un profondo lavoro sulla voce e sul pensiero, sulla scrittura e sul corpo, incita a fare voto di “vastità”. Ma cosa è la “vastità”? Questa è la domanda che Bergonzoni pone allo spettatore, la cui risposta si trova nell’aprirsi all’incommensurabile, all’invisibile, all’incredibile, all’onirico, per uscire da abitudini mentali indotte dalla selva di discorsi in cui tutti ci troviamo immersi.

ANGRY BIRDS
Un divertente cartoon ricco di azione ispirato al celebre videogioco degli uccellini rossi “arrabbiati”
Una fiaba che affascina per la trama, i colori, la tenerezza suscitata da alcuni dei paffutissimi uccellini Protagonista è Red, l'unico che ci ha visto giusto fin dall'inizio e che si ritrova nelle vesti di leader quando i suoi compagni si accorgono dell'errore. Ovviamente vediamo gli uccelli lanciati con la catapulta e coi poteri che hanno nel gioco, scoprendo l'origine di queste particolarità.

CAROL
Osannato all’ultimo Festival di Cannes, una storia d’amore costruita in modo squisito, capace di mostrare ogni ombra e sfumatura delle vite interiori delle sue protagoniste. Elegante, scritto e interpretato magistralmente si ispira ad un romanzo di Patricia Highsmith pubblicato nel 1952. Ambientato nell’anno di uscita del romanzo, racconta l’amore proibito tra la signora benestante Carol e la giovane cassiera Theresa: due donne molto diverse tra loro, la prima ricca e infelicemente sposata, l'altra una giovane commessa di un grande magazzino. Tutto è presentato in modo superbo: gli abiti, le acconciature, le automobili, i vagoni dei treni, i giradischi, i rossetti e le sigarette con intelligenza suprema e incredibile compostezza.

QUO VADO
L’ennesimo film record di Checco Zalone sulla scia della commedia all’italiana con le sue fulminanti battute e la meravigliosa leggerezza con cui affronta i temi più seri della società contemporanea. Viene ritratto e riprodotto l'italiano dei nostri giorni, i suoi tanti vizi e le sue poche virtù, senza mai dimenticare l'esigenza di un divertimento che deve essere popolare e trasversale, in Quo Vado? si racconta dell'ultimo fortunato che ha il posto pubblico fisso, inamovibile, finché arriva la riforma e viene messo in mobilità. Inizia la sua odissea: pur di non lasciare il suo lavoro garantito è disposto ad affrontare un cambio radicale di vita, che lo porterà da un ufficio a tre metri da casa al Nord Europa, in una cultura totalmente diversa da quella italiana, fatta di gente virtuosa, civile, efficiente, dove il welfare è molto forte. Dove però sono in tanti ad essere depressi.

TUTTO PUO' ACCADERE A BROADWAY
Una commedie spassosa, tutta equivoci e battute per un ritorno in grande stile del regista-sceneggiatore 75enne Peter Bogdanovich che firma una vera e propria dichiarazione d’amore per il cinema, omaggiando i grandi classici americani di Lubitsch e di Wilder. Un film da gustare, inquadratura dopo inquadratura, grande ritmo con un cast in stato di grazia, in cui ciascun attore rende straordinario il proprio personaggio con i tempi comici e i dialoghi di un meccanismo narrativo di alta precisione. Colpi di fulmine e tradimenti, innamoramenti e inganni si susseguono in una girandola di comicità ed ironia sullo sfondo di una New York che ha in Brodway la sua “terra promessa”. Un finale “a sorpresa” che va ben oltre il “The End”. Per scoprirlo restate dopo i titoli di coda.

COME SALTANO I PESCI
Un film poetico, garbato e prezioso anche per le interpretazioni degli attori, che racconta con riuscito equilibrio, in cui si alternano naturalmente dramma e commedia, la storia di due famiglie e del segreto che custodiscono da vent'anni, all'improvviso portato alla luce da un tragico avvenimento. Nonostante il lutto, l'abbandono, la scoperta dolorosa che fa convergere i protagonisti, dapprima nemici poi riconciliati, c'è spazio anche per il sorriso, la risata e la speranza.
Matteo ha 26 anni e il sogno di fare il meccanico a Maranello. Ha due genitori che lo adorano e una sorellina disabile che lo segue come un cucciolo. Ma proprio quando riceve l'attesa risposta per presentarsi a un colloquio alla Ferrari, una disgrazia capitata a una donna a lui sconosciuta rimette in discussione il suo senso di appartenenza e la sua amorevole famiglia, spingendolo a partire, accompagnato dalla sorella e da una ragazza incontrata per caso, alla scoperta della metà della sua vita che non conosceva.

MR HOLMES il mistero del caso irrisolto
interpretato magistralmente da Sir Ian McKellen, enorme attore teatrale shakespeariano, lo Sherlock Holmes novantatreenne che ci regala l’attore inglese è incredibilmente reale, vero sotto ogni punto di vista. L'anziano Sherlock ritiratosi in una casa di campagna sulle bianche scogliere inglesi cerca di scrivere un romanzo sull'ultimo caso con cui chiuse la carriera di investigatore. Nell'intima indagine che lo condurrà a fare i conti con la sua solitudine e un amore non consumato lo aiuta un arguto dodicenne. La trama è soltanto un pretesto per sbattere in faccia al pubblico la demenza senile di Holmes che avanza inesorabilmente, per dimostrare che anche un uomo come lui, un super-eroe in pratica, ha bisogno di aiuto.

PELÉ
1283 gol, tre mondiali vinti: una leggenda. E le leggende vanno raccontate, tramandate, fissate nella memoria. Pelé lo merita . Il film è interamente girato in Brasile e mostra tutta la bellezza e le contraddizioni di quella terra, oltre ad un campionario di volti che raccontano tutto. SI parte dalla sua infanzia e da quella strada, fatta di povertà, fatica, sudore e perdite dolorose, che l'ha portato al Santos e a vincere un Mondiale, da protagonista, nel 1958 in Svezia, a soli 17 anni. E’ una celebrazione del Calcio con la C maiuscola, inteso come dribbling imprevedibili, combinazioni pazzesche e fantasia a non finire. Curioso il casting per cercare un ragazzo che somigliasse all'ex giocatore brasiliano, con una buona tecnica calcistica e che parlasse inglese. All'inizio nessuno rispondeva all'identikit e allora è cominciata una ricerca strada per strada. Mentre stavano visionando un video di ragazzi che giocavano vicino alla spiaggia, i registi hanno notato sullo sfondo un vero talento del pallone, con una somiglianza incredibile con Pelé. Tornarono il giorno dopo su quella spiaggia sperando di trovarlo, andò bene e gli proposero un provino. Conquistò tutti.come probabilmente conquisterà il pubblico.

LA PAZZA GIOIA
Virzì ha realizzato un’opera tenera e sincera, giocata sui sentimenti ma con il crisma dell’autenticità. Siamo in una villa-casa di cura sulle colline pistoiesi e ne sono ospiti donne vittime di un disagio psichico, come le due protagoniste, relegate ai margini della società. Due donne che a prima vista non potrebbero essere più diverse: una, in apparenza isterica e logorroica, che vaneggia di famiglie ricche e nobili e di alta società l’altra una proletaria sfortunata e senza speranze, la cui sola ricchezza è un figlio amatissimo ma di cui ha perso la potestà, proprio per il suo inaffidabile comportamento.Cosa possono avere in comune le due donne? Niente in apparenza, tanto nella sostanza, perché ad entrambe manca soprattutto qualcuno che le ami e la solidarietà femminile allora può fare tanto, dando un senso a vite così sfortunate e ‘residuali’. L’amicizia e la solidarietà sembreranno allora, nel commovente finale, l’unica possibilità di autentica ‘redenzione’.

IO E LEI
Una commedia sui sentimenti mai gratuitamente volgare,piacevole e leggera ma non troppo, soprattutto dichiaratamente distante da quel genere nostrano che quando ha a che fare con il mondo gay tende a scimmiottare pesantemente i cliché di genere. Stereotipi qui 'ribaltati', andando a colpire tanto gli etero quanto gli omosessuali. Io e lei non fa altro che portare in scena l'amore universale con tutte le sue sfumature e difficoltà, prendendo a pieni mani dalla normalità del quotidiano. E lo fa sorridendo, ma solo e soltanto dopo aver invitato chi osserva a non temere i giudizi altrui, perché essere se' stessi, in fondo in fondo, ti cambia l'esistenza. E in meglio.

UN BACIO
Lorenzo, Blu e Antonio hanno molte cose in comune: l'età – sedici anni –, frequentano la stessa classe nello stesso liceo in una piccola città del nord est, hanno ciascuno una famiglia che li ama, e tutti e tre, anche se per motivi differenti, finiscono col venire isolati dagli altri coetanei. UN BACIO è un film sull’adolescenza, sulle prime volte, sulla ricerca della felicità. Ma anche sul bullismo e sull’omofobia. Sui modelli e sugli schemi che ci impediscono, e che impediscono soprattutto ai ragazzi, di essere felici, di trovare la strada della loro singola, particolare, personale felicità. Liberamente ispirato all'omonimo libro del regista, edito da Bompiani nel 2010.

TARZAN
Sono passati molti anni da quando Tarzan ha lasciato la giungla africana per tornare ad una vita imborghesita come John Clayton III, Lord Greystoke, con al suo fianco l'amata moglie Jane. Invitato a tornare in Congo per servire da emissario commerciale del Parlamento, ignora di essere una pedina in una convergenza mortale di avidità e vendetta ordita dal capitano belga Leon Rom. Ma coloro che sono dietro il complotto omicida non hanno idea di cosa stanno per scatenare.
E' il personaggio di Samuel L. Jackson che sta forsennatamente tentando di convincerlo, la faccenda riguarda il colonialismo selvaggio, l'abuso delle risorse da parte di Leopoldo II, Re del Belgio. L'avorio e le altre ricchezze del Congo vengono letteralmente saccheggiate, e Tarzan è l'unico che può fare qualcosa perché questa razzia venga fermata.

GLI ULTIMI SARANNO GLI ULTIMI
Il film con i toni agrodolci che caratterizzano sia la grande commedia all’Italiana che la vita stessa, inaspettatamente buffa nei suoi momenti più tristi e stranamente dolorosa negli scoppi di felicità, filma con ruvidezza il Purgatorio di una donna progressivamente allontanata dai diritti fondamentali, in primis il diritto al lavoro. Lavoro che la protagonista perde, non per una negligenza, ma perché rimane incinta: così, oltre a venire privata di uno stipendio "risibile", si vede negare la sopravvivenza, la fiducia nelle proprie capacità, la speranza. Eppure il film non perde mai una dolcezza di fondo, risultante di una fiducia in un’umanità sana e onesta che Massimiliano Bruno rappresenta senza ricorrere a luoghi comuni o a un facile pietismo, sostenuto anche dalla verità delle interpretazioni degli attori, a cominciare da un Alessandro Gassmann quasi pasoliniano nel suo ritratto di certa indolenza romana al personaggio di Paola Cortellesi, animale ferito, spaventato eppure fiero che per una volta dice basta a un mondo senza senso.

ROBINSON CRUSOE
Su una piccola ed esotica isola, vive Martedì, un socievole ed estroverso pappagallo che, insieme ai suoi bizzarri amici animali, abita in questo paradiso terrestre. Eppure Martedì non riesce a smettere di sognare di andare alla scoperta del mondo. Dopo una violenta tempesta, Martedì e i suoi amici si svegliano e trovano una strana creatura sulla spiaggia: Robinson Crusoe. Martedì vede immediatamente in Crusoe la possibilità di lasciare l'isola ed esplorare nuove terre. Allo stesso modo, Crusoe si rende presto conto che l'unico modo per sopravvivere sull'isola, è attraverso l'aiuto di Martedì e degli altri animali.

MON ROI
Storia a metà strada tra commedia e dramma che tiene lo spettatore inchiodato alla poltrona, grazie anche al cast stellare della coppia Bercot & Cassel in perfetta sintonia. Una donna al confine con i quaranta incontra l'uomo perfetto, bellissimo, affascinante e di buon cuore, ma lui è un dongiovanni che la ama e la tradisce, spezzandole il cuore più e più volte. Quando lei si infortuna gravemente un ginocchio sciando, nel lungo periodi di convalescenza trova la distanza giusta per analizzare la sua relazione. Il ripercorrere la propria vicenda sentimentale le consente di diventare definitivamente consapevole di quante fratture la sua vita di coppia ha dovuto affrontare e di come ciò che sembrava irreparabile si sia rivelato poi superabile.
Cassel è straordinario nell'offrire tutte le sfumature possibili a un uomo consapevole del proprio fascino ma anche fondamentalmente sincero quando afferma di amare, non riuscendo però a comprendere di amare di fatto solo la propria egoistica libertà di prendere e lasciare senza alcun senso positivo di legame.

Spettacolo unico ore 21,15

Dove: Giardino del Centro della pesa, Riccione Paese.
Al cinema con il trenino da Ple Azzarita (ALBA) ore 20,50 Ple Porto (CENTRO) ore 20,55 Ple Marinai (TERME) ore 21

ingresso €5
abbonamento 5 film € 20
Info: Istituzione Riccione per la cultura
tel 0541 608369-321

IAT 0541 426050

http://www.riccioneperlacultura.it
http://www.riccione.it

Marina App

Data

Dal
Al

Organizzatore

Città di Riccione

Luogo e Indirizzo

Riccione
Viale Vittorio Emanuele II, 2
Città di Riccione

Indicazioni per arrivare all'evento